Associazione

Nazionale

Carabinieri

Sezione Caduti di Nassiriya Subiaco

Piazza
Ulderico Pelliccia n. 1
00028 Subiaco (RM)

Cellulare: 3930490407



 

Storia

LA STORIA

Storia negli anni dell’ANC


L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI


Dopo che nel 1885, il Parlamento del Regno d’Italia eliminò il divieto di associazionismo tra militari in congedo, alcuni carabinieri residenti a Milano, nel 1886, lasciato il servizio per vari motivi costituirono un’associazione tesa a rinsaldare i vincoli di attaccamento all’Arma dei Carabinieri Reali e per fornire un aiuto concreto a chi si trovava in difficoltà.
L’iniziativa suscitò grande interesse e negli anni seguenti si accrebbe con altre sezioni in varie località fino a che coprì quasi tutto il territorio nazionale. La I guerra mondiale cementò ulteriormente i vincoli di cameratismo tra i Carabinieri che s’impegnarono per l’unificazione delle varie  Associazioni locali in un’unica Fondazione Nazionale.
Il primo convegno della “Associazione Carabinieri d’Italia in Pensione” si tenne a Roma nel 1925.
Negli anni successivi nuovi accorpamenti e modificazioni della struttura associativa e statutaria, ne aumentò il numero delle sezioni e degli iscritti divenendo nel 1935 “Associazione Nazionale Carabinieri in congedo“.
Dopo il secondo conflitto mondiale ci fu una ulteriore trasformazione del sodalizio che  venne concretizzata nel 1956 quando, con decreto del Presidente della Repubblica, n. 1286 del 25 luglio 1956, viene approvato il nuovo Statuto Organico della “Associazione Nazionale Carabinieri”.
Con il  D.M. 29 maggio 1957 avviene l’approvazione del  Regolamento d’esecuzione, che  oggi regola l’A.N.C.

Gli scopi principali dell’Associazione, che è apolitica, sono i   seguenti:

 

Storia della Sezione ANC “Caduti di Nassiriya” di Subiaco


29.11.2010:     La Presidenza Nazionale con prot. n. 3437/1-1, dietro richiesta di n. 18 Carabinieri in congedo di Subiaco, determina la costituzione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Subiaco e nomina Commissario Straordinario il Luogotenente Salvatore Balbi.


26.03.2011:     Vengono indette le elezioni, con 29 soci e viene eletto il Consiglio della Sezione composto da 5 Consiglieri.
Lo stesso giorno, il direttivo si riunisce ed elegge il Consigliere Luogotenente Balbi Salvatore Presidente.
I Consiglieri sono:

Revisori dei Conti vengono nominati:

Il Presidente sceglie e nomina Segretario:

12.11.2011:     Dopo la celebrazione della funzione religiosa officiata da Don Luca Zelli nella Concattedrale di Sant’Andrea Apostolo, la Sezione di Subiaco con sede nei locali Comunali, in Piazza Ulderico Pelliccia n. 1, viene inaugurata ed intitolata ai Caduti di Nassiriya, alla presenza dei familiari degli Eroi caduti ed altre autorità civili, militari e religiose. Madrina Dott.ssa Maria Laura Tozzi.

12.11.2011:   Nell’elaborazione del progetto "adotta una piazza” svolto da questa Sezione in collaborazione con altre associazioni (Lazio Solidale), e col patrocinio del Comune di Subiaco, è stata adottato  la ex piazzetta “La Gironda” intitolandola “Piazzetta Caduti di Nassiriya”, arricchita del Monumento del Maestro Maurizio Lauri: l’Estremo Sacrificio, cui hanno presenziato i familiari degli Eroi caduti ed altre autorità civili, militari e religiose nonché il Maestro Lauri.

 

Pagina in continuo aggiornamento